Categorie
Informati a Tavola News

InFORMAti A TAVOLA: ALIMENTI PER COMBATTERE LA RITENZIONE IDRICA

RITENZIONE IDRICA COME COMBATTERLA A TAVOLA

Uno dei fenomeni tristemente noti fra le donne è la ritenzione idrica, che oltre al danno estetico, spesso, causa numerosi problemi che tendono nel tempo a cronicizzarsi.
Prima di tutto è bene chiarire la differenza tra ritenzione idrica e cellulite, spesso confuse come fossero la stessa cosa.

La ritenzione idrica è dovuta al venir meno del corretto funzionamento del sistema venoso e linfatico con accumulo di liquidi negli spazi interstiziali, spesso dovuta a patologie (insufficienza renale, cardiaca, ipertensione, malfunzionamento del fegato e della vescica), ad abuso di farmaci (antinfiammatori, cortisonici, terapia ormonale sostitutiva in menopausa, contraccettivi), o a cattive abitudini alimentari e stile di vita sedentario
La cellulite, invece, è considerata una vera e propria patologia, ed è strettamente legata agli ormoni femminili, gli estrogeni, che favoriscono il deposito di grasso nel tessuto sottocutaneo. Le tappe che portano alla formazione della cellulite sono diverse,nei casi più gravi si può avere un danno a livello delle vene con perdita di elasticità e tonicità provocando un rallentamento del flusso sanguigno, fino ad arrivare ad una insufficienza circolatoria. La valutazione clinica spetta a medici specialisti.

TORNANDO ALLA RITENZIONE IDRICA, COME SI PUÒ PREVENIRE E CURARLA A TAVOLA?

Alimenti SI:

  • Acqua e limone ogni mattina appena svegli
  • Verdura di stagione, in particolare da privilegiare quella cruda, più ricca di acqua e di vitamine;
  • Frutta di stagione, scegliere la frutta variando il colore
  • Pasta e pane integrali ma anche cereali alternativi quali farro, orzo, miglio, kamut,ecc;
  • Legumi ;
  • Pesce e carni bianche;
  • Olio extra vergine di oliva per condire;
  • Acqua iposodica (a basso contenuto di sodio). Bere almeno 1.5 litri al giorno;
  • Alimenti che stimolano la diuresi come i finocchi, l’ananas, sedano, borragine, ortica, carciofi, cipolle, cetrioli, mele
  • Alimenti ricchi di potassio, come frutta, verdura ma anche pesce, legumi e frutta secca
  • Utilizzare le spezie che contrastano la ritenzione idrica come lzenzero, cannella, pepe nero e cumino

 

Alimenti NO:

  • Mix di verdure come i minestroni. Meglio consumare un tipo di verdura per volta
  • Affettati, formaggi stagionati, snack salati,
  • Alimenti in scatola o in salamoia poiché contengono molto sodio
  • Ridurre l’aggiunta di sale agli alimenti. Preferire le spezie
  • Dadi da brodo che contengono glutammato

 

Altri accorgimenti:

  • Limitare uso di farmaci;
  • Abolire il fumo e ridurre il consumo di alcolici;
  • Aumentare l’attività fisica, anche semplici passeggiate di 20-30min, 2-3 volte a settimana

 

Per approfondimenti:

Dott.ssa Simona Dongiovanni, dietista e nutrizionista

https://www.youtube.com/watch?v=Y-8pTfuDBj8

 

Source immagine http://www.tecnologia-ambiente.it/cibi-ritenzione-idrica

Stefania Moramarco

Di Stefania Moramarco

Stefania Moramarco è una Dietista Specializzata in Nutrizione Umana, attualmente al secondo anno del dottorato di ricerca in Igiene e Sanità Pubblica presso l’Università degli Studi di Roma ‘Tor Vergata’.
Durante il suo percorso professionale si è occupata di prevenzione oncologica, lotta al tabagismo, consulenza per integratori alimentari. Svolge lezioni sulla sana alimentazione integrata a stili di vita salutari in mater universitari e corsi di formazione presso enti preposti.
Dal 2013 è impegnata come consulente nutrizionista per programmi di prevenzione e cura della malnutrizione infantile in Zambia, con il Progetto Rainbow dell’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII.
Nel 2014 è stata autrice del libro “Il Downstaging della Sindrome Metabolica”, un manuale che mette in luce come la sana alimentazione, integrata a stili di vita salutari, è la prima arma preventiva per le malattie cardiovascolari e tumorali.