Che il Salento sia diventato una delle mete predilette dei vacanzieri italiani, e non solo, lo testimoniano i dati raccolti dai molti tour operator e le indagini condotte dai siti specializzati.
Ad accorgersi della bellezza delle coste e del mare, della natura incontaminata, del cibo e del patrimonio eno-gastronomico, dei monumenti e delle bellezze artistiche, oltre della vitalità che caratterizza il Salento questa volta è stato Flavio Briatore.
Dopo Forte dei Marmi, Montecarlo e Dubai, anche la Puglia, infatti, avrà il suo “Twiga Beach Club”: un lido extralusso, una location esclusiva da 150 gazebo di fronte al mare con arredi a cinque stelle, ristorante, bar.
L’imprenditore ha deciso di investire in Puglia e non ha perso tempo: i lavori sono già partiti sul litorale nord di Otranto. Le assunzioni inizieranno subito dopo i “Twiga Casting”, ossia le selezioni e i percorsi di formazione che dovranno seguire quanti vogliono far parte dello staff, il quale dovrà garantire gli altissimi standard richiesti dal marchio Billionaire Lifestyle per il futuro “Twiga beach club” di Otranto.
Per l’apertura dello stabilimento bisognerà aspettare l’estate del 2017. La società salentina che si occuperà della realizzazione del lido “supervip” si chiama “Cerra”, dal nome della località in cui sorgerà la struttura e vede la collaborazione di una cordata di imprenditori salentini, che operano già da tempo nel settore turistico, con la holding di servizi di lusso che fa capo a Flavio Briatore.
Otranto, premiata anche quest’anno con la Bandiera Blu d’Europa, grazie a questa struttura esclusiva, certo non alla portata di tutte le tasche, si trasformerà sempre più in una meta gettonata fra i turisti internazionali anche grazie al suo flagship product, ovvero l’eccellenza nel lusso dell’ospitalità salentina. Inoltre la nascita del Twiga Beach Club sarà un’ottima opportunità di crescita per il territorio anche dal punto di vista occupazionale.

Redazione

Di Redazione

La testata online www.madeinmurgia.org nasce nel 2015, iscritta al Tribunale di Matera con n. 4/2015. Si occupa di promozione del Made in Sud in ogni ambito.