Categorie
News

“Made in Basilicata: la sfida dell’agroalimentare”, presente anche il Ministro Martina

Ieri a Tito (Potenza) si è tenuto il convegno “Made in Basilicata: la sfida dell’agroalimentare” promosso da Uila, Uil e Centro Studi Sociali e del Lavoro Basilicata, al quale hanno partecipato il Ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, l’Onorevole Maria Antezza e l’assessore alle Politiche Agricole e Forestali, Luca Braia.

Trasferimento delle conoscenze, logistica competitiva e rafforzamento dell’organizzazione di filiera: sono alcune delle cose necessarie “per far ripartire la grande stagione dell’agroalimentare lucano” indicate dal Ministro Martina, secondo il quale “il primo vero salto di paradigma che dobbiamo tutti aver presente è che l’esperienza agricola italiana è oggi la massima espressione dell’interazione tra filiere, settori e organizzazioni che ha scomposto e ricomposto alcune classi di rappresentazioni che la storia ci ha consegnato. Io credo che l’ agroalimentare sia oggi il terreno più avanzato di questa nuova interazione”.

Concorde con gli obiettivi espressi dal Ministro Martina si è mostrato l’assessore Braia, il quale ha ribadito che è necessaria “una  sinergia interistituzionale per mettere insieme le risorse economiche alla vigilia della nuova programmazione 2014/2020 e soprattutto condivisione delle strategie che dovranno stravolgere i modelli di sviluppo, compiendo quella transizione che riporta esattamente al centro l’agricoltura, l’ambiente, la cultura ed il turismo”.

Nel suo intervento Pittella ha dichiarato che “In un momento molto particolare, come quello che stiamo vivendo nel Paese e in Basilicata, questo spazio di riflessione voluto dalla Uil ci consente di evidenziare numeri e realtà positive, frutto di impegno da parte delle imprese che hanno migliorato la loro competitività e qualità nella produzione, ma anche conseguenza delle misure messe in campo dalla politica e dal buon management del nostro dipartimento”. Per il presidente della Regione Basilicata la parola d’ordine deve essere “aggregazione, per arrivare insieme dall’azienda agricola alla tavola dei consumatori, passando dalla fase della trasformazione e della promozione”.

L’Onorevole Maria Antezza ha riconosciuto che la presenza in Basilicata del Ministro Martina all’iniziativa della UIL è stata una grande attestazione del lavoro svolto dalla Regione Basilicata nelle varie rappresentanze, anche parlamentari, e nelle commissioni su vari temi. “Oggi parlare di agricoltura significa parlare di opzioni cruciali che attengono alla competitività, al lavoro, alla ricerca, all’innovazione, al welfare, al ricambio generazionale e alla coesione e inclusione sociale – ha dichiarato l’On. Antezza –  Il fare rete deve rappresentare il nuovo paradigma culturale che mette insieme tutti i soggetti della filiera e rimette l’agricoltura al centro delle politiche quale motore di sviluppo e di crescita, inestimabile patrimonio culturale e straordinaria risorsa sociale, prezioso strumento di valorizzazione ambientale e turistica. Una risorsa fondamentale per portare, come sta già accadendo, una forte innovazione nel processo produttivo del lavoro agricolo è rappresentata dal ritorno dei giovani alla terra.

Altre misure da prendere, secondo la Uila, riguardano il miglioramento degli ecosistemi dipendenti, un’economia a bassa emissione di carbonio, ricambio generazionale e capacità di internazionalizzazione. Il segretario nazionale della Uila, Stefano Mantegazza, ha detto che l’organizzazione e la Uil “hanno fortemente voluto l’incontro sulla sfida dell’agroalimentare perché i consumatori italiani possano cogliere l’opportunità di Matera 2019 per scoprire la qualità delle produzioni della Basilicata, fiore all’occhiello delle attività produttive lucane come del resto del Mezzogiorno”.

 

Redazione

Di Redazione

La testata online www.madeinmurgia.org nasce nel 2015, iscritta al Tribunale di Matera con n. 4/2015. Si occupa di promozione del Made in Sud in ogni ambito.