Categorie
Ambiente & Territorio News

Mondo agricolo richiede una nuova tratta per il “Frecciarossa”

Il “Frecciarossa” lungo la tratta Taranto-Potenza-Salerno-Roma: è questa la richiesta da parte del mondo agricolo.

La fermata a Metaponto sembra essere la scelta più funzionale alle esigenze di mobilità degli imprenditori agricoli, degli operatori economici, dei flussi turistici e dei cittadini.

Questo è il pensiero del presidente regionale vicario della Cia di Basilicata, Nicola Serio, che sostiene: “Il comprensorio del Metapontino ha bisogno di infrastrutture e servizi che facilitino le attività soprattutto agricole. L’opportunità offerta dal nuovo servizio di collegamento ferroviario più veloce con la capitale – aggiunge il dirigente della Cia – va pertanto colta per un primo tassello nella direzione indicata da tempo dalle organizzazioni professionali rappresentative delle imprese del Metapontino”.

L’area nel suo complesso si presenta come un sistema produttivo orientato all’agroalimentare di qualità, caratterizzato da numerose piccole e medie imprese, spesso associate tra loro in aggregazioni consortili ed organizzazioni di produttori.

In riferimento al comparto ortofrutticolo, nell’area del Distretto Agroalimentare del Metapontino sono presenti 7 delle 8 Organizzazioni di Produttori riconosciute dalla Regione Basilicata. Inoltre, nel territorio del Distretto è da rilevare la presenza di numerose attività di servizi, collocate ai diversi stadi delle filiere produttive. Siamo inoltre fortemente interessati – dice Serio – ad accelerare l’iter per la realizzazione della piattaforma logistica di Ferrandina, in Val Basento, collegata alla struttura portuale di Taranto e destinata al settore ortofrutticolo per superare il gap infrastrutturale che è una debolezza e limita le potenzialità di sviluppo.

Riguardo il Frecciarossa, bisognerebbe ripensare agli orari di partenza per rendere più comodo l’arrivo in mattinata a Roma.

Redazione

Di Redazione

La testata online www.madeinmurgia.org nasce nel 2015, iscritta al Tribunale di Matera con n. 4/2015. Si occupa di promozione del Made in Sud in ogni ambito.