Categorie
Politica & Economia

La Regione Puglia punta su efficientamento e revamping degli impianti

“Che cos’è la Puglia oggi sotto il profilo dell’energia? È la prima regione in Italia per esportazione di energia elettrica e la seconda per produzione. Ciò ha consentito di soddisfare la metà dei consumi energetici dei pugliesi con le fonti rinnovabili. E ha permesso di ridurre enormemente l’utilizzo del carbone”.
Così l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Loredana Capone, questa mattina, a Bari, al convegno NextEnergia.
“La produzione pugliese – ha proseguito – è pari al 28% dell’intera produzione eolica italiana, al 16% di quella fotovoltaica e al 9% di quella bioenergetica. Ma la strategia regionale non si ferma qui. Dopo aver cercato di frenare la corsa agli incentivi nazionali, per tutelare il territorio la Regione oggi sta pensando all’efficientamento energetico degli edifici (pubblici: 204 milioni le risorse stanziate, e privati: 40 milioni); al catasto energetico (di recente approvazione la nuova legge) e al revamping/repowering. Dobbiamo fare i conti, infatti, con l’obsolescenza di parte degli impianti realizzati nel territorio: i risultati dell’analisi sulla vetustà degli impianti evidenziano che nel 2020 gli aerogeneratori con un età superiore o pari a 15 anni saranno 476. Occorrerà, pertanto, operare scelte in merito che dovranno contemperare le esigenze dello sviluppo economico con la tutela del paesaggio e tutto ciò non potrà che avvenire con uno specifico provvedimento legislativo”.
“Per questa ragione – ha concluso – convocheremo al più presto, nel prossimo mese, un tavolo alla presenza dell’assessorato all’Ambiente e del Paesaggio, oltre che dello Sviluppo economico, per condividere il percorso normativo”. –

Fonte: Regione Puglia

Redazione

Di Redazione

La testata online www.madeinmurgia.org nasce nel 2015, iscritta al Tribunale di Matera con n. 4/2015. Si occupa di promozione del Made in Sud in ogni ambito.