Categorie
Attualità Cultura e tradizioni popolari Food

Prima tesi di laurea sul Pallone di Gravina

IL  CASEIFICIO ARTIGIANALE F.LLI DEROSA PRESENTA IL TIROCINIO FORMATIVO E LA
PRIMA TESI DI LAUREA SUL PALLONE DI GRAVINA.

cerchiamo di scoprire cos’è il Pallone di Gravina:

Il Pallone di Gravina è un formaggio, di latte crudo vaccino, che nasce in una zona in cui i caseifici ottengono latte vaccino dal bacino dell’Alta Murgia, ritenuto uno dei migliori dell’intera penisola italiana.
Slow Food che lo presidia lo definisce “sostanzialmente un caciocavallo senza testina e dalla forma tondeggiante che si produce da gennaio a marzo”, la cui lavorazione “risale all’epoca della transumanza, quando lungo i tratturi pugliesi transitavano armenti e greggi di migliaia di capi”.
Stagiona all’interno di cantine naturali per assumere “aromi sempre più pronunciati”, mentre “il suo peso va da uno a dieci chili”.

Dopo aver partecipato a una nota trasmissione televisiva, i fratelli Derosa, sono stati coinvolti in un altro progetto.

la loro azienda, infatti, è stata protagonista di un tirocinio che ha avuto come prodotto finale la presentazione di una tesi di laurea.

Il Caseificio artigianale Derosa, eccellenza gastronomica del nostro territorio, ospita laureandi nella propria azienda.

Tale progetto formativo è stato redatto dal soggetto ospitante e dall’Università.
Il tirocinio è stato guidato da un tutor, ovvero Mastro Casaro Derosa Nicola e dalla esperta di pallone la Cheese Storyteller (www.pallonedigravinastoryteller.com) Rosamaria Derosa.

Hanno saputo guidare giovani laureandi, alla scoperta della meravigliosa risorsa gastronomica, che ha aumentato e aumentato sempre di più, l’interesse per Gravina in Puglia.
È stata quindi presentata la prima tesi di laurea sul Pallone di Gravina, dalla laureanda Annamaria CIpriano.
Tesi di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari , avente come Titolo: “Aspetti Tecnologici e Sensoriali del Pallone di Gravina”.

Orgoglio per il paese tutto, che inizia a scorgere motivi di vanto, piuttosto che risentimenti e polemiche. Noi di Made in Murgia ci auguriamo un futuro colmo di bellezza e soddisfazione.

Scritto da: Antonietta Loviglio

Foto di: Piero Amendolara.