Categorie
Agricoltura & Agroalimentare Ambiente & Territorio Eventi

COLDIRETTI: premio Oscar Green a 2 pugliesi

La Puglia fa il bis e porta a casa 2 premi per l’innovazione al concorso nazionale Oscar Green di Coldiretti.

Nelle categoria ‘Fare Rete’ e ‘Agri-You’.

I giovani agricoltori ‘pionieri di idee’ sono Donato Mercadante di Altamura (Bari) che, con Filippo Clemente di Pecore Attive, ha esposto i primi ‘occhiali tattili’ in lana di pecora e Fabiana Fassi di Galatone che, assieme ad altre 4 donne, ha creato il laboratorio rurale che ospita richiedenti asilo nell’agro di Seclì.

Sono stati ‘scovati’ i giovani agricoltori che con tenacia e lungimiranza – commenta il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantelestanno cambiando il modo di fare impresa in Puglia. Le province di Bari e Lecce hanno fatto incetta di premi per prodotti e processi all’avanguardia delle idee e della visione. C’è un intero esercito di giovani che hanno preso in mano un settore considerato vecchio, saturo e inappropriato per immaginare prospettive future e ne hanno fatto un mondo di pionieri, rivoluzionari, innovatori e attivisti impegnati nel costruire un mondo migliore per se stessi e per gli altri, perché dai campi non viene solo una risposta alla disoccupazione e alla decrescita infelice del Paese, ma anche una speranza alla sconfitta dei nostri coetanei che sono costretti a fuggire all’estero”.

Alleviamo 70 pecore di razza merinos autoctona ‘Gentile di Puglia’ – ha detto Donato Mercadante della Masseria La Calcara – e altre 450 pecore in lattazione di razza comisana e tutti i processi sono certificati bio. Abbiamo cercato di creare il giusto equilibrio tra flora e fauna attraverso la biodiversità. Dalle pecore adulte, da 1 anno in poi, raccogliamo in media 3 kg di lana che da rifiuto speciale sta diventando una fonte di reddito. La lana merinos oggi vale 1,50 euro al kg e la lana moscia dai 10 ai 20 centesimi al kg, mentre fino al 2010 ad entrambe veniva riconosciuto lo stesso prezzo. Stiamo apportando modifiche genetiche per il miglioramento qualitativo e quantitativo della lana attraverso gli incroci idonei, coadiuvati dall’Università di Bari. Da gennaio al periodo della raccolta della lana le pecore saranno coperte con pettorine traforate per l’igienizzazione del vello e garantirne l’igiene dalle impurità vegetali dei pascoli per una migliore qualità della fibra e la raccolta avverrà 2 volte l’anno”.

Donato ha sposato appieno il progetto Pecore Attive di Filippo Clemente, nato per avviare una micro-filiera di lavorazione artigianale della lana ovina da razze autoctone pugliesi, con il duplice obiettivo di dare nuova vita e valore, anche commerciale, ad una risorsa territoriale, la lana ovina, attraverso la produzione di manufatti artigianali e fornire opportunità di inclusione sociale a categorie di persone svantaggiate.

Da qui la realizzazione innovativa degli occhiali con montatura in lana di pecora.

“I giovani agricoltori che hanno rappresentato innovazione e coraggio con progetti straordinari – commenta il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti – sono in controtendenza positiva rispetto ai dati che, purtroppo, parlano di più di un trentenne su tre (35 per cento) nel 2018 vive con la paghetta dei genitori o dei nonni e altri parenti che sono costretti ad aiutare i giovani fino ad età avanzata. Ma se si considerano tutti i giovani tra i 18 e i 34 anni, la percentuale di chi è costretto a farsi mantenere da mamma e papà sale al 55 per cento, più un altro 6 per cento che si “affida” alla pensione dei nonni. Secondo l’indagine di Coldiretti/Ixè su “I giovani italiani, la vita e il lavoro”, presentata al “Salone della creatività Made in Italy”, ben il 68 per cento dei giovani vive on famiglia dove cerca, però, di rendersi utile”.
“La comunità di recupero ‘Luna’ è diventata laboratorio rurale – ha spiegato Fabiana Fassi del primo co-living contadino ‘Luna’ – uno spazio di innovazione sociale e agricola gestito dall’associazione Itaca. Nel 2014 la parrocchia di Galatone assegna questa struttura a 5 donne. Oggi Luna si occupa di agricoltura con un’attenzione particolare al recupero delle antiche varietà locali e dell’ identità territoriale. Produce lo zafferano, uno dei sette prodotti tradizionali di Galatone, la canapa e le tisane a base di canapa essiccata, l’albicocca di Galatone e piante officinali. Inoltre, sta realizzando un orto internazionale in collaborazione con i richiedenti asilo. Luna laboratorio rurale è anche innovazione sociale. Progetta e realizza scambi giovanili e seminari europei, ospita feste, eventi culturali ed artistici, fa co-living per chi vuole visitare il Salento e vivere una esperienza di comunità. È una opportunità di formazione per i giovani, un luogo di incontro “una piazza immersa nella natura” e da’ spazio a chi vuole proporre progetti”.

Il LUNA_Laboratorio Urbano Nuove Armonie è uno spazio aperto, dedicato alla formazione e crescita culturale e alla rigenerazione della comunità di Seclì, attraverso percorsi inclusivi di riappropriazione sociale e culturale, guidati dal basso, che promuovono il protagonismo giovanile, portando innovazione, nuove prospettive e stimoli, valorizzando il contesto locale, generando opportunità formative e di svago, con l’obiettivo generale di aumentare l’empowerment giovanile e impattare positivamente il Benessere Equo e Sostenibile. Il lab urbano è collegato all’omonimo lab rurale (attivo da 2 anni in agro di Seclì), generando sinergie positive, agendo sul rapporto tra area rurale/area urbana, attivando il confronto sui temi della memoria, della contemporaneità e della Rural social innovation.

Il primo co-living contadino punta invece sull’esperienza della coabitazione di diversi gruppi sociali provenienti da più parti del mondo nella stessa comunità per condividere interessi e sogni attraverso la magia dell’agricoltura, con la creazione di un bellissimo orto internazionale gestito da richiedenti asilo. Ma stupisce anche – continua la Coldiretti – l’innovativa produzione di sale spray aromatizzato, un distillato liquido salato in spray che, attraverso un processo di estrazione di vegetali rigorosamente aziendali, permette contemporaneamente sia di insaporire che di aromatizzare con basso contenuto di sodio rispetto al resto dei comuni sali in grani.