Categorie
TalentMurgia

Lino Dagnello: “Io dipingo per smascherare la vanità!”

Per la sezione TalentMurgia, oggi MadeinMurgia.org vi presenta una figura tutt’altro che ordinaria.

Siamo in compagnia di Lino Dagnello, artista, pittore per la precisione, barlettano; che si presenta a noi della redazione e a voi lettori. Buona lettura.

-Chi è Lino e come nasce la sua passione per l’arte figurativa?

Sono un artista. Ahimè ci sono nato!

L’artista nasce abortito, deforme, mancato alla vita.
Per questo riesce a cogliere la vita nella sua essenza, nella sua vanità.

Molti dipingono perché hanno bisogno di esprimersi, di condividere i propri sentimenti, di lasciare un segno… Io ho una bestia oscura in me che mi divora e l’unico modo per ammansirla è dipingere.

– Se c’è, qual è il suo filo conduttore o la chiave di lettura, presente in ogni sua opera?

La gente di solito s’aspetta un messaggio positivo dall’arte, del tipo “la bellezza salverà il mondo”, come dice l’idiota.

Mi spiace, io non posso che mostrarvi “l’infinita vanità del tutto”!
Se avete bisogno di consolazione o speranza, rivolgetevi alle religioni, alle ideologie, ecc.

– Quanto il territorio nord-Barese, La sua città o in generale, La Puglia, hanno influito sulla sua scelta stilistica e nella sua arte?

Le mie opere sono orme di un viaggio mitico, sognato, reale!

Non c’è niente nelle mie opere che non abbia sentito mio, dentro di me, sofferto in me, nelle mie vene.

Resta sempre e comunque qualcosa di indefinito!

Come nella vita, bisogna pur lasciare un fedele contributo al mistero.

– Quali sono i progetti futuri di Lino?

Diventare ciò che sono!

-Grazie Lino, arrivederci!

 

Scritto da: Salvatore Divincenzo.

Salvatore Divincenzo

Di Salvatore Divincenzo

Laureando in Lettere con indirizzo "Cultura Teatrale", presso l'Università degli studi di Bari. Consegue la maturità al liceo scientifico "G. Tarantino", indirizzo tecnologico, con ottimi risultati.
Nel 2012 partecipa al convegno "Lingue e dialetti di Italia", presso la Fondazione Ettore Pomarici Santomasi, riconosciuto a livello nazionale.
Si diletta nella recitazione teatrale e nella scrittura.