Categorie
Luoghi da Visitare

Dieci motivi per visitare Altamura

La primavera, con le sue prima giornate soleggiate, ci da’ la possibilità di organizzare delle vere e proprie gite, ma perché non iniziare dal nostro territorio?

per questo Madeinmurgia vi propone dieci motivi per visitare Altamura:
1. L’ Uomo di Altamura, uno dei più importanti ritrovamenti archeologici del territorio. Si tratta di un fossile umano ritrovato nella grotta di Lamalunga: le datazioni sono ancora in corso ma accertamenti sul dna, prelevato da una scapola, sembrano collocarlo nel periodo Neanderthaliano.
2. Il Santuario della Madonna del Buon Cammino, risale al 1747. Venne fatto costruire dal canonico Giambattista Nicolai al posto di una piccola nicchia che rappresentava un segno di protezione per i viandanti, lungo il cammino che attraversava le strade della Murgia, strade spesso spopolate e rischiose.
3. il Pulo, una dolina di origina carsica che appare sotto forma di voragine e che si è creata dal continuo convogliarsi delle acque in quel punto.
4. il Museo Etnografico della civiltà contadina, dove sono esposti oggetti relativi all’artigianato, all’agricoltura, alla pastorizia e alla viticoltura, insieme a reperti di abbigliamento tradizionale e giochi antichi, il tutto risalente al periodo compreso tra la fine del 1800 e il 1930.
5. il pane DOP, che ha ricevuto nel 2005 la denominazione di origine protetta. Questo particolare pane si ottiene mescolando la semola rimacinata di grano duro con acqua e lievito madre, per poi essere cotto in forni a legna. La storia di questo pane racconta che durante gli anni del dopoguerra fosse preparato dalle donne di casa e consegnato ai fornai che, passando di casa in casa, raccoglievano le diverse forme. Ogni pagnotta, prima di essere cotta, veniva segnata con il marchio della famiglia che aveva preparato l’impasto, e una volta cotta, veniva riconsegnata alla famiglia di appartenenza.
6. l’organo monumentale realizzato da maestri organari di Torino: il suono delle sue 29 canne, per potenza e ricchezza di sfumature, riesce a suscitare l’impressione di ascoltare un’intera orchestra. Nella cattedrale sono custodite due importanti tele che rappresentano la pittura italiana dell’Ottocento: la Conversione di San Paolo di Domenico Morelli e la Maddalena di Francesco Netti.
7. Claustro dei Mori, situato su Via G. Santini, dedicato al gruppo etnico dei Mori o Saraceni, che l’abitarono fino all’arrivo di Longobardi e Normanni, si sviluppa al di sotto del piano di calpestio: vi si accede, infatti, scendendo una gradinata.
8. La cattedrale d’Altamura, voluta da Federico, non fu vista ultimata da lui. La prima pietra fu posta nel 1232 contemporaneamente alla fondazione della città
9. Mura Megalitiche e i tumuli: tali mura si caratterizzano in 4 km, per un’altezza e una larghezza pari a 6 metri, tra cui il Pulo di Altamura, le Grotte di Altamura, ricche di stalattiti e stalagmiti.
10. Masserie da visionare, tra cui la Masseria Calderoni (prima metà del XVI secolo); la Masseria De Angelis (inizio del XVII secolo.

di: Antonietta Loviglio