Categorie
News

Gli uomini che “imbiancano” presto sarebbero più a rischio di patologie cardiache.

Gli uomini che “imbiancano” precocemente sarebbero più a rischio di patologie coronariche.

Secondo uno studio dell’università in Egitto, negli individui di sesso maschile i capelli bianchi sono un sintomo dell’invecchiamento biologico e pertanto, a prescindere dall’età anagrafica in cui appaiono, sono un campanello d’allarme per la salute del cuore.

Qualcosa in comune. L’aterosclerosi  e l’imbiancamento dei capelli sono legati a meccanismi simili, come stress ossidativo , infiammazione cronica, cambiamenti ormonali, alterazioni del DNA e senescenza delle cellule.Aumentano con l’età, ma i capelli grigi potrebbero essere un segnale di rischio indipendente e immediatamente visibile, di cui tenere conto.

I ricercatori hanno valutato la presenza di eventuali patologie coronariche in 545 uomini adulti, che hanno anche classificato in 5 gruppi in base alla quantità di capelli bianchi (capelli totalmente scuri; più scuri che bianchi; scuri e bianchi in ugual numero; più bianchi che scuri; totalmente bianchi). Sono poi stati valutati per ciascuno gli altri fattori di rischio, come ipertensione, diabete, abitudine al fumo, concentrazione anomala di lipidi nel sangue e storie familiari di malattie cardiache.

Collegati. Un alto grado di capelli bianchi – dal terzo “stadio” (metà e metà) in poi – è risultato associato a un più alto rischio di malattie coronariche, a prescindere dall’età anagrafica e dagli altri fattori di rischio. La prevalenza di “grigi” nella chioma potrebbe quindi essere utilizzata come indicatore di rischio di malattie coronariche in pazienti ancora asintomatici.

Redazione

Di Redazione

La testata online www.madeinmurgia.org nasce nel 2015, iscritta al Tribunale di Matera con n. 4/2015. Si occupa di promozione del Made in Sud in ogni ambito.