Categorie
Ambiente & Territorio Cinema Luoghi da Visitare Progetti

Puglia: presentati dieci progetti filmici, ad Aprile i primi Ciak

“SOCIAL FILM FUND CON IL SUD”
PRESENTATI I 10 PROGETTI FILMICI
EMILIANO: “MI AUGURO CHE QUESTO TIPO DI RACCONTO DEL SUD POSSA STRUTTURARSI DENTRO L’APULIA FILM COMMISSION”
400 MILA EURO PER LA PRODUZIONE E DIFFUSIONE DI 6 DOCUMENTARI E 4 CORTOMETRAGGI
PER RACCONTARE IL SUD AD APRILE I PRIMI CIAK

“Oggi stiamo dando vita ad una specie di nuovo fenomeno cinematografico, cioè ad una via di mezzo tra la cronaca e la creazione filmica che però descrive un modo di essere del Mezzogiorno. Lo facciamo con la Fondazione per il Sud, sono stati tantissimi coloro che hanno partecipato, selezionati da una Commissione che è stata guidata da Gennaro Nunziante. Addirittura stiamo pensando, se il risultato sarà positivo e gradito, di rendere questo tipo di racconto del Mezzogiorno strutturale per la Apulia Film Commission e per la Regione Puglia, aprendoci anche alla collaborazione con altre regioni e con altre Film Commission del Mezzogiorno. Insomma, riprendendo le parole di Gennaro Nunziante, bisogna provare a raccontare a noi stessi senza lasciare che siano altri a parlare del Sud”.

Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano intervenuto a Bari, presso il Cineporto, alla presentazione dei 10 progetti filmici selezionati con la prima edizione del bando “Social Film Fund Con il Sud” nato dal comune interesse di Fondazione Apulia Film Commission e Fondazione CON IL SUD di “raccontare per immagini” il Sud attraverso i fenomeni sociali che lo caratterizzano.

Il bando Social Film Fund con il Sud rappresenta una sperimentazione, sia come partenariato sia come proponenti, per avvicinare e far dialogare il cinema e il terzo settore.

La novità del partenariato sta nell’incontro tra due fondazioni, due eccellenze, l’Apulia Film Commission da una parte (indicata quale migliore Film Commission italiana) e la Fondazione con il Sud dall’altra, ente no profit nato 12 anni fa dall’alleanza tra le fondazioni di origine bancaria e il mondo del Terzo settore. La sperimentazione dei proponenti invece sta proprio nella individuazione, quale soggetti cui è rivolto il bando, delle organizzazioni del Terzo settore e del volontariato.

“Il Sud deve parlare del Sud, in maniera aperta e inclusiva, non certamente arroccandosi dentro se stesso – ha continuato Emiliano e questa può essere una occasione per far diventare la Puglia un luogo dove cominciare a sprovincializzare la comunicazione sul Mezzogiorno, tirandola fuori dai luoghi comuni. I progetti selezionati raccontano storie vere, si parla di disagio giovanile e di Alzheimer, di giochi tradizionali e di ludopatia, di agricoltura sociale e di ritorno alla terra. Io penso, e concludo, che proprio attraverso il racconto di storie vere rielaborate in forma creativa, si possa raggiungere l’obiettivo di nararre il Sud. Mi auguro, ripeto, che questo genere possa strutturarsi dentro l’Apulia Film Commission e diventare anche una nostra identità”.

Per la produzione e la diffusione di dieci film sono stati messi a disposizione complessivamente 400 mila euro. La peculiarità del bando è nella promozione dell’incontro tra imprese e professionisti dell’audiovisivo con enti del Terzo settore e del volontariato meridionale, per favorire percorsi di coesione sociale e contribuire alla diffusione di temi sociali di rilievo nel Sud Italia.

“Quando con Fondazione con il Sud abbiamo immaginato lo strumento del Social Film Fund – ha ricordato l’assessore Loredana Capone intervenuta con un contributo video alla conferenza stampa – volevamo che il cinema del Sud riflettesse sui temi sociali e culturali di rilievo nel presente. Così è stato e con la scelta dei dieci progetti finanziati ci ritroviamo, questa volta, a dare il via alla realizzazione di opere che, sono sicura, risponderanno appieno agli obiettivi che ci siamo prefissi. Questo bando dimostra quanto sia possibile, con tenacia, volontà e professionalità, realizzare progetti innovativi al Sud. Una terra che ha voglia di prendere tra le mani il suo presente, raccontarlo con uno sguardo nuovo, dando voce a temi del disagio ma anche a quelli del riscatto. In questo il cinema può contare sulla grande potenza del linguaggio visivo, sulla forza di arrivare alla gente per farla riflettere sul senso di essere comunità”.

Il bando ha riscosso un grande successo e sono pervenute circa 100 proposte di cui 94 sono state ritenute ammissibili. Tra queste ne sono state selezionate 10 dalla Commissione valutatrice composta da Gennaro Nunziante, regista e sceneggiatore (presidente), Dario Formisano, produttore cinematografico, Elisabetta Soglio, giornalista e scrittrice, Luigi De Luca, coordinatore Poli Biblio -Museale Regione Puglia, Fabrizio Minnella, responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne della Fondazione CON IL SUD.

Le riprese dei dieci progetti cominceranno a partire dal mese di aprile 2019.

Hanno partecipato questa mattina anche Marco Imperiale, direttore della Fondazione CON IL SUD, Gennaro Nunziante, presidente della Commissione valutatrice, Simonetta Dellomonaco, presidente della Fondazione Apulia Film Commission, e Antonio Parente, direttore generale di Apulia Film Commission.

 

LE DICHIARAZIONI

MARCO IMPERIALE – FONDAZIONE CON IL SUD
“Lo scopo dell’iniziativa è quello di raccontare il nostro Sud dal punto di vista dei fenomeni sociali che lo caratterizzano, ma anche di farlo attivando un processo partecipativo, partendo da una mobilitazione del territorio per giungere al cuore e alla testa di un pubblico molto più vasto. L’obiettivo implicito del bando è creare connessioni tra realtà diverse capaci di generare valore sociale e culturale, partendo proprio dall’incontro tra le due fondazioni promotrici e via via proseguendo con i partenariati di progetto. Il fatto che circa 100 imprese cinematografiche italiane ed estere e 250 organizzazioni di Terzo settore meridionali si siano conosciute per partecipare ‘insieme” al bando è stato uno dei primi grandi risultati di questa sperimentazione. Con l’avvio delle 10 produzioni questa bella iniziativa acquista ancora più concretezza, così come la speranza di raccontare un Sud alternativo agli stereotipi e ad una visione ‘limitata’ della nostra società”.

SIMONETTA DELLOMONACO – PRESIDENTE APULIA FILM COMMISSION
Mi onoro di aver seguito questo progetto per Apulia Film Commission sin dall’inizio della sua ideazione perché rappresenta un modo efficace per raccontare il Sud attraverso i temi e fenomeni sociali che lo caratterizzano. Se è vero che un’immagine vale mille parole, è altrettanto vero che i contenuti sono fondamentali soprattutto quando si affrontano determinate problematiche legate alla quotidianità e anche al futuro delle persone e delle comunità. Le 10 produzioni selezionate, hanno focalizzato i loro progetti su alcuni temi che in questo momento storico sono determinanti non solo per il Sud, attivando insieme alla realizzazione dei film anche dei percorsi di inclusione sociale, tramite i soggetti del Terzo settore coinvolti sulle specifiche tematiche affrontate. Il grande lavoro svolto per arrivare a una coproduzione tra le due Fondazioni non ha precedenti in Italia. Questa preziosa collaborazione è un’eccellenza nello scenario socio-culturale italiano e per questo ne siamo davvero orgogliosi”.

GENNARO NUNZIANTE – PRESIDENTE COMMISSIONE VALUTATRICE
“Nei progetti scelti c’è un ottimo livello professionale e una buona cultura dell’immagine cinematografica. Social Film Fund Con il Sud è un progetto che va reso più strutturale, visto che ormai tutti i più importanti mezzi di comunicazione sono nelle mani di imprenditori del Nord. Mai come oggi serve un mezzo che racconti il Sud, il cinema in questo potrebbe fare la sua parte”.

I dieci titoli sono divisi in 6 documentari e 4 cortometraggi, coinvolgendo 10 società di produzione cinematografiche italiane e 25 organizzazioni del Terzo settore di Basilicata, Campania e Puglia, in particolare di Napoli, Matera, Foggia, Bari, Brindisi e Lecce. Tra le tematiche affrontate dai progetti spiccano in particolare quelle rivolte al mondo dei giovani e dell’integrazione, ma anche quella dell’agricoltura sociale, della violenza sulle donne e della terza età.

I DOCUMENTARI
A casa lavori in corso (documentario) di Luciano Toriello, proposto da Luciano Toriello (Puglia), partner: Osservatorio Giulia & Rossella (Bari), Associazione Lavori in corso (Foggia) e Cooperativa sociale Paidos (Foggia).
Coltivatori di cambiamento (documentario) di Tommaso Faggiano, proposto da Medit Film soc. coop. (Puglia), partner: Casa delle agricolture (Lecce), Associazione Diritti a Sud (Lecce), Associazione Abitare i Paduli (Lecce), Associazione Ciaula ((Lecce), Associazione Oltre mercato Salento (Lecce) e Associazione Salento Km0 (Lecce).
Madre nostra (documentario) di Lorenzo Scaraggi presentato da Sintesi (Puglia), partner: Cooperativa sociale Semi di vita (Bari) e Forum Agricoltura Puglia di Bari.
Ponticelli, la terra buona (documentario) di Registi Atelier di Cinema del Reale, proposto da Parallelo 41 Produzioni (Campania), partner: Associazione di promozione sociale Arci Movie (Napoli) e Associazione culturale Mediateca di Napoli Il Monello (Napoli).
Il sistema Sanità (documentario) di Mario Pistolese e Adrea De Rosa, proposto da Upside (Puglia), partner: Fondazione San Gennaro Onlus (Napoli) e Cooperativa sociale La Paranza (Napoli).
Aspettando la cuccagna (documentario) di Simone Salvemini, proposto da La Kinebottega (Puglia), partner: Associazione culturale Casarmonica (Brindisi) e Cooperativa sociale Oasi Onlus (Brindisi).

I CORTOMETRAGGI
Compagni di viaggio (cortometraggio) di Sara De Martino e Aaron Ariotti proposto da Lumen Films s.r.l. (Lazio), partner: Associazione culturale Occse (Matera) e Consorzio Concreto (Matera).
Guasto (cortometraggio) di Paola Crescenzo proposto da Passo uno produzioni soc. coop. (Puglia), partner: Centro Auser “Rossana Benzi” (Brindisi,Puglia) e Cooperativa sociale Eridanopuglia (Brindisi).
La ricreazione (cortometraggio) di Nour Gharbi, proposto da Raganella Production (Lazio) partner: Cooperativa sociale Zorba (Bari) e Cooperativa sociale Centro lotta al disagio (Bari).
Santa perseguitata (cortometraggio) di Alessandro Piva, proposto da Seminal Film (Puglia), partner: Giraffa – Gruppo indagine resistenza alla follia femminile – Onlus (Bari) e Associazione L’Albero (Potenza).

 

 

L’Avviso pubblico è stato emesso dall’Apulia Film Commission e rientra nell’ambito del patto per la Puglia FSC 2014-2020 “turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali” ed è cofinanziato per il 50% dalla Fondazione CON IL SUD. Al bando hanno potuto partecipare partenariati composti dal proponente, un operatore economico di produzione audiovisiva, e da partner del Terzo settore di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia, regioni in cui opera la Fondazione CON IL SUD. L’impegno delle due Fondazioni è stato quello di selezionare e sostenere 10 prodotti audiovisivi, destinando un massimo di 40mila euro a progetto.

 

Redazione

Di Redazione

La testata online www.madeinmurgia.org nasce nel 2015, iscritta al Tribunale di Matera con n. 4/2015. Si occupa di promozione del Made in Sud in ogni ambito.