In Puglia, un aiuto per la lotta al dissesto idrologico arriva dal Ministero dell’Ambiente, che ha assegnato alla regione 15 milioni per effettuare 6 interventi di tutela del territorio.

La decisione arriva a seguito dell’atto integrativo del Piano Stralcio 2020 contro, appunto, il dissesto idrologico, firmato dal Presidente Michele Emiliano e dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

I fondi saranno indirizzati alla tutela di 6 città, 4 nella provincia di Foggia, una in provincia di Bari e una nella BAT: Lucera (FG), Polignano (BA), San Marco La Catola (FG), Sant’Agata di Puglia (FG), Deliceto (FG) e Andria (BAT).

LUCERA E POLIGNANO- Gli interventi predisposti nella zona di Lucera e Polignano sono particolarmente importanti per la tutela del paesaggio e del patrimonio storico Pugliese.

A Lucera si prevede il consolidamento del versante collinare sottostante il castello Federiciano, per prevenire il sito dal cedimento. Inoltre, il lato occidentale della collina è costituito da terreni friabili e presenta una cavità che ne ha minato ancora di più la stabilità. I lavori, che prevedranno il rinverdimento della zona per ridurre i fenomeni di erosione, comporteranno una spesa di oltre 5 mln e si andranno ad aggiungere ai lavori già iniziati dal Comune.

A Polignano, invece, l’intervento riguarderà la grotta Pietropaolo per bloccare l’erosione causata dall’acqua. Infatti, il moto ondoso rischia di mettere a repentaglio la calotta su cui poggia parte del centro storico. I lavori si concerteranno sul consolidamento della calotta in calcarenite e comporteranno una spesa di circa 3 mln di euro.

SAN MARCO LA CATOLA- Nella cittadina del foggiano, l’attenzione sarà rivolta al consolidamento del versante sottostante il Convento dei Frati Cappuccini.

SANT’AGATA di PUGLIA- A Sant’Agato i fondi saranno utilizzati per proteggere un edificio scolastico a rischio e il depuratore comunale.

ANDRIA- Sarà ripristinata la continuità idraulica del canale Ciappetta-Camoggio.  

DELICETO- I lavori si concentreranno sulla sistemazione del Torrente Gavitelle a protezione del centro abitato.

In una nota, la Regione Puglia ha sottolineato che “con i precedenti accordi fra Regione e il Mattm (Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio nrd) sono stati completati oltre 70 interventi di mitigazione del dissesto idrologico in varie località pugliesi e altri ancora sono in fase di realizzazione con una grande collaborazione tra Regione Puglia e tutti i Comuni interessati”.