Un importante iniziativa è partita dal comune di Bari, recuperati pc in disuso o dismessi poiché inutilizzabili. Sono stati rigenerati e messi a disposizione di famiglie che ne necessitano a causa della misure anti-covid e disposizioni sindacali che hanno portato la comunità scolastica a svolgere la didattica a distanza.

Un intervento per ridurre il divario provocato dall’utilizzo forzato del digitale permettendo l’accesso all’universo digitale e del word wide web. Il progetto di chiama “BRAND GNU” un progetto partito nel 2012 ad oggi è alla sua seconda edizione, che prevede la distribuzione e messa a disposizione di PC dalla Municipalità, gratuitamente di cittadini e associazioni.

Si legge sul sito che i computer rigenerati sono stati affidati alle associazioni che ne hanno fatto richiesta partecipando al bando dedicato, realizzando percorsi di alfabetizzazione informatica per i propri associati. I computer sono stati poi assegnati ai partecipanti ai corsi, che hanno messo in pratica le conoscenze apprese direttamente sugli stessi PC.

Sino ad oggi sono state più di 500 le domande e sono stati affidati circa 230 pc.

La coop Rehardwareing (http://rhw.coop) nasce nel 2009 dall’idea dei suoi soci di trovare soluzioni innovative e sostenibili per i rifiuti elettronici. Vince la prima edizione di “Principi Attivi – Giovani Idee per una Puglia migliore” con il progetto Opening Sources.

Ci sono state iniziative simili anche in Molise e Lombardia e in altre regioni, ha una particolarità, nasce in collaborazione con l’amministrazione comunale di Bari. L’interesse della municipalità accentua ancora una volta la responsabilità e intervento della stessa per far fronte ad un problema contingente e fondamentale in un periodo di forte crisi che ha visto molte famiglie a farne richiesta, in particolar modo quelle famiglie con più di un figlio frequentante la scuola.

Insomma… vige il principio del nessuno escluso.

Ben fatto Bari ottima iniziativa!

Maria Caserta

Di Maria Caserta

Laureata in Scienze della formazione primaria presso Università degli Studi della Basilicata, insegnante di scuola primaria, redattrice presso la testata PassalaParola.net, presidente dell'associazione MadeinMurgia.org by Comunicaetica, editore madeinmurgia.org, Event planner ed esperta in tutela dell'ambiente e agrifood. Project manager di diversi progetti regionali, locali e nazionali.