L’internazionalizzazione è il processo di adattamento di un’impresa, un prodotto, un marchio, progettato per un determinato mercato, verso mercati internazionali.

La definizione è reperibile sui numerosi manuali di marketing internazionali.

Soprattutto nel periodo di crisi dal quale sembra che l’economia globale stia faticosamente uscendo, è necessario puntare, non solo su un potenziamento degli strumenti di sostegno, ma anche su una accelerazione delle attività promozionali, finalizzate a rafforzare la presenza delle aziende sui mercati maturi, consolidarla in quelli più difficili, senza trascurare la conquista di
mercati del tutto nuovi.


Questo perché il mondo si muove velocemente, cambia passo e direzione, cambia geografia e servono attività promozionali innovative, mirate, sofisticate, che diano prova di flessibilità.

Come viene spesso sottolineato, l’export è fattore trainante della crescita del reddito nazionale, l’esposizione ai meccanismi del mercato globale stimola la competitività del nostro sistema produttivo e l’unico modo che si ha per continuare a crescere è aprirsi al mondo: l’orizzonte delle nostre imprese è ormai quello mondiale.

Si legge quanto riportato in una relazione del MEF.

A tal proposito la Giunta Regionale ha approvato l’atto di indirizzo per avviare il percorso di registrazione di un marchio collettivo geografico per i prodotti e servizi pugliesi al fine di sostenere lo sviluppo del territorio e valorizzare la presenza della Puglia sui mercati nazionali ed internazionali a sostegno delle piccole, medie e grandi imprese.

“L’idea di realizzare un marchio Made in Puglia – ha dichiarato l’Assessore regionale allo Sviluppo Economico, Alessandro Delli Noci – nasce dalla volontà di identificare sotto un unico brand le produzioni pugliesi a prescindere dal settore. L’obiettivo è di veicolare in Italia e nel mondo, in maniera univoca e più efficace, tutto ciò che viene ideato e prodotto in Puglia, un vero patrimonio da valorizzare e tutelare. Attraverso questo marchio, vogliamo raccontare le aziende pugliesi, le loro peculiarità e le loro storie che rendono la nostra una regione unica, abbiamo il dovere di mettere in campo tutte quelle azioni che possono promuovere i nostri territori, che possono aiutare il nostro tessuto economico e rafforzarlo sui mercati internazionali”.

Maria Caserta

Di Maria Caserta

Laureata in Scienze della formazione primaria presso Università degli Studi della Basilicata, insegnante di scuola primaria, redattrice presso la testata PassalaParola.net, presidente dell'associazione MadeinMurgia.org by Comunicaetica, editore madeinmurgia.org, Event planner ed esperta in tutela dell'ambiente e agrifood. Project manager di diversi progetti regionali, locali e nazionali.